Eventi e iniziative

Consumatore informato, consumatore tutelato

IN EVIDENZA






Un'opportunità retribuita utile alla tua formazione, alla tutela dei cittadini ed indispensabile per difendere il Diritto!

Se hai un'età compresa tra i 18 anni (compiuti) ed i 29 (da compiere!) consulta il progetto e scarica la domanda di ammissione al Servizio Civile Nazionale

Presenta la tua candidatura entro il 28 settembre 2018

Il termine per l’invio delle domande è fissato al 28/09/2018 per cui possono essere accolte le domande spedite con raccomandata o tramite PEC entro le ore 23:59 del 28/09/2018

Il termine “l'invio" significa che è considerato valido il timbro dell'Ufficio Postale di invio della domanda o l’orario di spedizione della PEC e non la data di ricezione presso l'Ente.

In caso di consegna della domanda a mano il termine è fissato alle ore 18.00 del 28 settembre 2018.

Le domande devono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  a mezzo "raccomandata A/R" o a mano all'indirizzo di Federconsumatori Piemonte via Pedrotti 25 - 10152 Torino;
  con Posta Elettronica Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf. La domanda inviata tramite PEC dovrà indicare come oggetto della mail "Domanda di partecipazione Bando Servizio Civile 2019". Si prega di inviare tutto il materiale allegato in un unico file.
La documentazione deve essere inviata all'indirizzo federconsumatoripiemonte@pcert.postecert.it

SCARICA PROGETTO

SCARICA DOMANDA DI CANDIDATURA


BANDO SCN NAZIONALE
Per maggiori informazioni contattaci al recapito 011.28.59.81 o scrivi a sportello@federconsumatori-torino.it

SCARICA CALENDARIO COLLOQUI

SCARICA GRADUATORIA
  




SVILUPPO DI COMPETENZE CHIAVE DI ADULTI DISOCCUPATI

Mentre in Italia il lavoro è in corso, un primo incontro si svolgerà a Torino e il secondo ad Asti, i colleghi della Grecia hanno già completato il loro lavoro sui focus group e attendiamo i risultati con molta curiosità.



Due focus group sono stati completati con successo ad Atene e nella città di Eleusi con un totale di 25 partecipanti nell'ambito del programma europeo Erasmus + intitolato Sviluppo di Competenze Chiave degli Adulti per un Programma Innovativo di

Educazione al consumo con l’obiettivo di raccogliere dati dall'esperienza in Educazione al consumo di adulti disoccupati a 29 anni.

I dati che verranno estratti da questo sondaggio qualitativo saranno valutati per progettare un programma di formazione per adulti disoccupati fino a 29 anni, caratterizzati come un gruppo a rischio con scuola secondaria terminata prematuramente e con mancanza di qualifiche e competenze.

Tra le domande di ricerca: le loro esperienze di consumo, la necessità dell'educazione dei consumatori, le conoscenze e le esperienze e soprattutto indagare sulla presenza o meno del bisogno di consapevolezza in questo ambito.

Il programma educativo si baserà sulle conoscenze e sull'esperienza esistenti di consumatori e allo stesso tempo sulla motivazione ad acquisire le conoscenze e le abilità necessarie per la vita quotidiana. Al fine di incoraggiare gli adulti ad imparare e sviluppare le loro competenze chiave, il programma di formazione creerà un attraente

contenuto basato sulla vita quotidiana e l'uso di forme interattive di apprendimento dell'educazione degli adulti.

(Stará Ľubovňa, 11 marzo 2018)

Negli ultimi anni, i paesi dell'Unione europea sono stati alle prese con problemi di disoccupati sotto i 29 anni che hanno abbandonato la scuola superiore anche a causa di

mancanza di capacità e abilità.

Organizzazioni di consumatori di cinque paesi (Italia, Grecia, Lituania, Repubblica Ceca e Slovacchia), con il supporto finanziario del progetto ERASMUS +, si sono alleati per sviluppare un programma comune per l'educazione dei disoccupati, dal titolo "Sviluppi di chiavi di competenza degli adulti attraverso un programma innovativo di educazione al consumo".

Lo scopo del progetto internazionale è di creare un programma di educazione al consumo che sia attraente e, allo stesso tempo, possa aumentare le competenze degli attraverso lo scambio e la creazione di un programma efficace di educazione per i disoccupati. Tutto ciò richiede la conoscenza dei loro atteggiamenti e comportamenti di consumatori e richiede di identificare i bisogni per lo sviluppo di competenze chiave.


Un'indagine sugli interessi e le esigenze dei disoccupati ha avuto luogo nel febbraio di quest'anno, in collaborazione con gli uffici del lavoro, degli affari sociali e della famiglia a Kežmarok e Banská Bystrica. L’indagine è stata svolta attraverso i focus group.

I focus group, guidati da due ricercatori, hanno permesso di ottenere dati su argomenti preferiti di educazione al consumo e sulle esigenze di sviluppo di competenze chiave dei disoccupati. I partecipanti hanno espresso in entrambi i focus group interesse per l'apprendimento e l'acquisizione delle competenze necessarie per vivere in un'economia di mercato. Il dibattito sull’esperienza di ricerca di lavoro ha portato alla consapevolezza di sé tra diversi partecipanti che hanno bisogno di sviluppare abilità comunicative.


La fase successiva vedrà la creazione di contenuti educativi, lo studio di casi di

consumatori e la proposta forme innovative di educazione.

Al termine, il programma di formazione sarà disponibile sui siti web di tutti i

partner di progetto e disponibili per l'uso da parte di diverse istituzioni, organizzazioni educative, università, scuole, alunni, genitori e consumatori.

Božena Stašenková, coordinatore del progetto 2018-1-SK01-KA204-046393



  



SUPER FOOD

Avete già sentito parlare di "Superfood"? I cosiddetti cibi - super, dei quali si racconta abbiano poteri nutrizionali particolari. Sarà proprio così? Oppure possono esserci delle trappole che confondono i consumatori?

"Il termine superfood, o supercibo, è un termine di marketing che, di norma, indica un alimento ricco di particolari micronutrienti, come vitamine, minerali o antiossidanti. Alcuni supercibi ormai ben noti al consumatore sono la quinoa, le bacche di goji o il tè verde, e la lista potrebbe continuare ancora a lungo.Per nostra fortuna, in Europa è vietato che in etichetta vengano riportate frasi che menzionano effetti benefici per la salute, se questi benefici non sono stati provati a livello scientifico. Ma i siti internet, Facebook e le riviste possono invece parlare liberamente di superfood, a volte generando confusione e false aspettative".


Se la pubblicità può convincerci che un cibo è super, allora quale è il rapporto tra mente e alimentazione?
 
Il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Torino sta organizzando un corso on line sul tema dell'alimentazione, è gratuito e possono partecipare tutte le persone interessate all'argomento. Due i focus: i superfood e la relazione cibo-cervello.
Per saperne di più: https://www.eitfood.eu/programmes/food-for-thought-the-interaction-between-food-and-brain

Gli argomenti del corso sulla relazione cibo e mente

  • Neuroscienze e alimentazione (l'effetto del nostro cervello sulle scelte alimentari);
  • L'aspetto psicologico delle scelte alimentari e delle diete;
  • Come il cibo che mangiamo influenza il nostro cervello e la nostra fisiologia.
Questo corso fornirà agli studenti una maggiore comprensione degli effetti del cibo sul cervello, gli studenti impareranno anche come i meccanismi psicologici influenzano le scelte e il comportamento alimentare.

Presso gli sportelli della Federconsumatori del Piemonte troverete i depliant informativi sui programmi dei corsi.



 
SOVRAINDEBITAMENTO

La Legge 3/2012 (cd. Legge “ salva suicidi”), permette al consumatore di risolvere i propri debiti senza  essere costretto a pagare per tutta la vita attraverso un piano di rientro.                                               

Per maggiori informazioni clicca qui